(troppo vecchio per rispondere)
casa ancora rurale: cosa vuol dire?
Giovanna
2009-01-06 13:08:50 UTC
Ho visto l'annuncio di una villetta (per lo meno, di quello che a me
pare tale) e c'è che la casa è ancora rurale: cosa vuol dire,
esattamente?
Atteso che a me l'immobile non sembra affatto da poveracci contadini
(costa oltre € 700.000,00...) vuol dire forse che ci può non essere
allaccio idrico, corrente elettrica, impianto fogniario e simili, per
caso? In questo caso non sarebbe nemmeno sicuro che sia possibile
otterli a spese del comune? Oppure forse la definizione rurale
comporta delle limitazioni di destinazione d'uso (tipo impossibilità
di affittarla, o simili)'
Grazie molto in anticipo per un gentile chiarimento
Ciao
Giovanna
Giovanna
2009-01-06 13:20:04 UTC
On Tue, 06 Jan 2009 14:08:50 +0100, Giovanna <***@tim.it> wrote:

mi sono accorta che è anche nominata l'esistenza di un deposito
acqua...: allora non c'è l'acqua corrente?
Nel qual caso: quali sono i requisiti per ottenerla a spese del
comune?
In pratica: in cosa si differenzia una comune colonica (od anche ex
fienile) rispetto ad una casa rurale?
w
2009-01-06 17:47:02 UTC
Post by Giovanna
mi sono accorta che è anche nominata l'esistenza di un deposito
acqua...: allora non c'è l'acqua corrente?
Nel qual caso: quali sono i requisiti per ottenerla a spese del
comune?
In pratica: in cosa si differenzia una comune colonica (od anche ex
fienile) rispetto ad una casa rurale?
Se vai su " Google " e clicchi la domanda : casa rurale,
avrai la risposta esauriente.
w

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Guitarsol
2009-01-07 15:55:17 UTC
Post by Giovanna
mi sono accorta che è anche nominata l'esistenza di un deposito
acqua...: allora non c'è l'acqua corrente?
Nel qual caso: quali sono i requisiti per ottenerla a spese del
comune?
In pratica: in cosa si differenzia una comune colonica (od anche ex
fienile) rispetto ad una casa rurale?
Bisogna vedere in che contesto vogliono far valere quell'aggettivo "rurale"
Dal punto di vista urbanistico vuol dire che se tu non se coltivatrice
diretta o comunque imprenditoire agricolo e non hai una certa eyensione di
terreno che coltivi non l apuoi tenere tale e devi passarla civile quindi
pagare gli oneri di cambio di destinazione d'uso.
Dal punto di vista catastale stesse considerazioni di sopra e devi
"accatstarla" quindi passrala da rurale a civile dargli una rendita per
poterci pagare le imposte sopra se dovute e comunque è una pratica in piu da
fare prima dell'acquisto.
Se poi "rurale" solo perchè non ha certi caratteristiche tipiche degli
alloggi civili ossia in città tanto per intenderci non so.
Dovresti chiarire meglio con l'agenzia immobiliare che ce l'ha in vendita o
chi per essa.
Se ascolti me ti affidi ad un tecnico di fiducio se hai intenzioni serie
altrimenti rischi di impelagarti in qualche casino.
saluti Geom. Maero
a***@libero.it
2009-01-07 18:58:28 UTC
Post by Giovanna
Ho visto l'annuncio di una villetta (per lo meno, di quello che a me
pare tale) e c'è che la casa è ancora rurale: cosa vuol dire,
esattamente?
Vuol dire che originariamente (e tutt'ora) è censita al Catasto
Terreni, cioè era ad uso agricolo. Con le leggi attuali però prima di
procedere alla compravendita si deve riaccatastare l'immobile al
Catasto Fabbricati, quindi si dovrà incaricare un tecnico per fare
questo passo propedeutico all'atto notarile, con i relativi costi
connessi.