Discussion:
Distanza da linee elettriche alta tensione
(troppo vecchio per rispondere)
archirospo
2008-01-20 09:18:10 UTC
Ciao a tutti.
Mi trovo nella condizione di dovere progettare all'interno di un terreno
attraversato da una linea di alta tensione (10.000 V a corrente continua).
Chi mi sa indicare una norma a riguardo che indichi una distanza minima alla
quale mantenersi?


Grazie.
il grande fardello
2008-01-20 11:07:09 UTC
Post by archirospo
Ciao a tutti.
Mi trovo nella condizione di dovere progettare all'interno di un
terreno attraversato da una linea di alta tensione (10.000 V a
corrente continua). Chi mi sa indicare una norma a riguardo che
indichi una distanza minima alla quale mantenersi?
Grazie.
Com'è possibile che esista una linea di 10.000 V a corrente continua?
Mi viene proprio nuova.
--
Ciao
archirospo
2008-01-20 15:16:10 UTC
Posso sbagliarmi sul voltaggio, ma mi hanno assicurato che quella è una
linea su tralicci e corrente continua.

Attraversa la sardegna da nord a sud, di più non so...
Post by il grande fardello
Post by archirospo
Ciao a tutti.
Mi trovo nella condizione di dovere progettare all'interno di un
terreno attraversato da una linea di alta tensione (10.000 V a
corrente continua). Chi mi sa indicare una norma a riguardo che
indichi una distanza minima alla quale mantenersi?
Grazie.
Com'è possibile che esista una linea di 10.000 V a corrente continua?
Mi viene proprio nuova.
--
Ciao
robix
2008-01-20 16:23:57 UTC
Post by archirospo
Ciao a tutti.
Mi trovo nella condizione di dovere progettare all'interno di un terreno
attraversato da una linea di alta tensione (10.000 V a corrente continua).
Chi mi sa indicare una norma a riguardo che indichi una distanza minima alla
quale mantenersi?
Grazie.
A me la Terna - Rete Elettrica Nazionale S.p.A (società responsabile
in Italia della trasmissione e del dispacciamento dell'energia
elettrica sulla rete ad alta e altissima tensione su tutto il
territorio nazionale) ha prescritto, PER ISCRITTO !!, di rispettare da
un elettrodotto da 14 kV la distanza di 5 m prevista dall'art. 11 del
DPR 164/1956.

Della serie: vacci tu a 5 m da quei
fili ....................................
Aladino
2008-01-21 20:02:42 UTC
Post by robix
la distanza di 5 m prevista dall'art. 11 del
DPR 164/1956.
5 metri come? Dalla proiezione dell'asse a terra? Dalla proiezione del
filo più vicino? O distanza in linea d'aria (per cui considerando un
altezza di 15mt da terra ci puoi costruire sotto un edificio alto 10?
--
Per rispondere, togliere -NOSPAM- dall'indirizzo.
robix
2008-01-22 07:15:20 UTC
Post by Aladino
Post by robix
la distanza di 5 m prevista dall'art. 11 del
DPR 164/1956.
5 metri come? Dalla proiezione dell'asse a terra? Dalla proiezione del
filo più vicino? O distanza in linea d'aria (per cui considerando un
altezza di 15mt da terra ci puoi costruire sotto un edificio alto 10?
--
Per rispondere, togliere -NOSPAM- dall'indirizzo.
La lettera diceva semplicemente 5 m, pertanto presumo sia la distanza
in linea d'aria.

Attenzione che si parla di lavori in prossimità di linee elettriche,
non di edificazioni (sotto un elettrodotto ad alta tensione e nella
sua specifica fascia di rispetto penso non si possa costruire nulla).
ANDREA
2008-01-20 18:42:36 UTC
Non so se può essere utile:
http://www.puntosicuro.it/italian/stampa_articolo.php?sViewMag=articolo&iIdArticolo=7432&bPrint=true

Per le linee aeree si deve tener conto di tutti i movimenti possibili
delle linee stesse e di tutti i movimenti, degli spostamenti, delle
oscillazioni, dei colpi di frusta o della caduta degli equipaggiamenti usati
per eseguire i lavori.
La presente Norma non fornisce raccomandazioni per tali distanze a causa
delle ampie variazioni possibili in questi lavori.
Distanze di sicurezza da linea aerea a conduttori nudi
Estratto dalla Tab. A.1
Tensione nominale Limite esterno della zona di lavoro sotto tensione
Limite esterno della zona prossima Limite previsto dal D.P.R. 164/56
DL Dv
kV efficaci m m m
10 0,12 1,15 5,00
15 0,16 1,16 5,00
20 0,22 1,22 5,00
30 0,32 1,32 5,00
60 0,63 1,63 5,00
132 1,10 3,00 5,00
220 1,60 3,00 5,00
380 2,50 4,00 5,00


In rosso e in grassetto le distanze non congrue poiché lo sbandamento
laterale della catenaria, sommato a Dv , potrebbe facilmente superare la
distanza di legge di 5,00 m .
Si consiglia di considerare uno sbandamento laterale di 30° e quindi la
distanza da sommare a Dv risulta pari ad almeno metà della freccia della
catenaria.
Esempio
Nel caso di linea a 132 kV, con freccia di 8,00 m, la distanza minima di
sicurezza da assicurare rispetto la posizione in condizione di riposo dei
conduttori nudi in tensione, è almeno :
= secondo la normativa tecnica : f/2 + DV = 4,00 + 3,00 = 7,00 m
= secondo il D.P.R. 164/56 : 5,00 m
Come si nota la normativa tecnica è più razionale, oltre che più severa,
della legge.

Leggi comunque con attenzione tutto l'articolo.
Ciao
Andrea
*************************************************************************************************
Post by archirospo
Ciao a tutti.
Mi trovo nella condizione di dovere progettare all'interno di un terreno
attraversato da una linea di alta tensione (10.000 V a corrente continua).
Chi mi sa indicare una norma a riguardo che indichi una distanza minima
alla quale mantenersi?
Grazie.
archirospo
2008-01-20 20:40:29 UTC
Grazie tanti a tutti :o)
Post by archirospo
Ciao a tutti.
Mi trovo nella condizione di dovere progettare all'interno di un terreno
attraversato da una linea di alta tensione (10.000 V a corrente continua).
Chi mi sa indicare una norma a riguardo che indichi una distanza minima
alla quale mantenersi?
Grazie.